NEWS

L’Euro siamo tutti noi. Serve più unione politica

10.07.2018

Ok Savona su potere BCE sui cambi

"L'euro non è nato per un'alchimia misteriosa, l'Euro siamo tutti noi, lo abbiamo voluto fortemente, abbiamo fatto bene a entrarci, evitando la bancarotta negli anni novanta, e sarebbe un errore gravissimo uscire oggi; non mi meraviglia il buon sondaggio sul gradimento degli italiani fatto qui a Skytg24. Piuttosto che parlare di euro sì o euro no, sarebbe il caso di confrontarci su quanta politica vogliamo in Europa. Io sono per avere più Europa, vorrei che in Europa mettessimo insieme i debiti, il fisco, il welfare, le banche. Invece di dibattere su ipotetici piani B, sfidiamoci sull'unico piano possibile A che abbiamo di fronte per costruire gli Stati Uniti d'Europa e completare il processo di unificazione politica, oltre che rafforzare quella monetaria.

E questa sfida va fatta con coraggio soprattutto alla Germania della Merkel perché è evidente che questa Unione non funziona bene ma noi vogliamo più Europa non meno Europa come Salvini e, probabilmente, gran parte di questa maggioranza. Questa ambiguità di fondo va sciolta.

Troppo spesso in questi anni in Europa si è preferito seguire l'interesse nazionale rispetto a quello comune. Non ci si deve accontentare di qualche decimale di flessibilità in più. Oggi la sfida è tutta politica e anche la proposta sui pieni poteri sui cambi alla Bce fatta da Savona, nella mia visione, va nella direzione della opportuna sfida politica". Così Francesco Boccia, deputato PD, in diretta a Sky Tg24 sulle ragioni dell'Euro.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO



COMMENTA CON FACEBOOK

LEGGI ALTRI ARTICOLI