NEWS

Il voto su Rousseau con Blockchain è una farsa, opacità certificata

09.03.2019

(ANSA) - ROMA, 9 MAR - "Anche la giornata di oggi conferma quello che avevamo detto pubblicamente a Roma il 15 dicembre scorso alle Officine Farneto, in occasione della giornata PD #aporteaperte. La piattaforma Rousseau è opaca e non cambia nulla se utilizza o meno la Blockchain. Davide Casaleggio fa annunci utilizzando paroloni come Blockchain, un argomento complesso che, in questo specifico caso, viene utilizzato come 'specchietto per le allodole' dopo il flop tecnologico del voto sull'autorizzazione a procedere su Salvini.

Ribadiamo un concetto semplice e banale: l'associazione Rousseau e la societa' privata che di fatto la controlla, per essere credibili, dovrebbero rendere pubblico il codice sorgente dell'intera piattaforma e far certificare i processi di voto ad un ente governativo terzo". Lo afferma il deputato Pd Francesco Boccia.

"Anche al Palazzo delle Stelline di Milano, dalle dichiarazioni, sembrano riferirsi solo ad una porzione open-source in questa nuova piattaforma; tra l'altro, l'immutabilita' del dato memorizzato non e' sufficiente a determinarne la bonta' dello stesso. E' obbligatoria l'introduzione del concetto di identita' digitale certificata. Salvare in maniera immutabile un dato 'contraffatto all'origine' determina una 'contraffazione certificata'.

Altro che rivoluzione. Inoltre, se vuole essere per una volta trasparente, inizi a chiarire che tipo di blockchain intende utilizzare. Se 'permissioned' (pubblica/privata) o 'permissionless'. Al momento ci sembra solo propaganda con paroloni senza senso.

A Milano è andata in scena l'ennesima farsa fatta a uso e consumo degli investitori potenziali per le attivita' della Casaleggio ma che non ci pare abbiano nulla a che fare con la democrazia italiana. Dicono che su Rousseau si arrivera' con il voto con Blockchain?

A noi appaiono sempre più opachi e continueremo a sfidiarli sulla trasparenza online. Il 15 Dicembre, durante la presentazione di Hackitaly, una piattaforma open source e realmente trasparente, i nostri sviluppatori hanno già mostrato un proof-of-concept funzionante di voto su Blockchain. Dopo l'insediamento del nuovo segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti, doneremo la piattaforma Hackitaly al PD e sfideremo sulla trasparenza l'associazione Rousseau", conclude.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO



COMMENTA CON FACEBOOK

LEGGI ALTRI ARTICOLI